L’IMPORTANZA PER UNO SCOUT DELLA CONOSCENZA ANALITICA DEL CAMPIONATO ARGENTINO

Quando entri a far parte del settore scout di una squadra di calcio devi capire quello che è il target dei giocatori di riferimento. Quindi a seconda della categoria e del contesto, devi seguire dei campionati adeguati in modo che l’area tecnica possa attingere ad atleti che gli scout abbiano visionato e indicato, quando dovrà acquistare dei giocatori (Art.: Seguire un metodo di scouting leggi qui).

Poi ci sono ulteriori distinzioni che derivano da quella che è la forza economica della società, nel senso che sulla base di ciò che disponi a livello di mezzi economici, puoi decidere di avvicinare una bottega piuttosto che un’altra. Un dirigente famoso con cui ho collaborato mi diceva che, talvolta o addirittura spesso, devi lavorare di fantasia, ovvero devi crearti delle situazioni interessanti che possano derivare da un errore di un’altra compagine, che ti consente di inserirti e magari di recuperare un giocatore che magari non va bene in un certo contesto, ma può andare bene per il tuo (Art.: Sui talenti migliori arrivano prima la Red Bull e Raiola leggi qui). Per cui, in primis, bisogna avere piena consapevolezza del proprio ambiente per capire cosa seguire e quindi, definire a priori quelle che sono potenzialità e modo di manifestarsi della società (Art.: Vogliamo costruire una squadra giovane leggi qui) per cui lavori, allo scopo di scovare giocatori che possano essere giusti in quel determinato contesto.

Va da sè che – se lavori in serie B in una squadra che vuol vincere il campionato – puoi guardare campionati europei di secondo livello, ma soprattutto dedicarti a certe serie B come quella spagnola e quella francese, che possono rappresentare davvero un bacino ricco di talenti. Ma un’altra buona idea di scouting potrebbe essere quella di studiare le compagini che si trovano nella prima tre-cinque posizioni dei campionati europei di seconda fascia in modo da avere sotto controllo i migliori talenti di quei paesi (Art.: La match Analysis ti permette di capire l’anima di una squadra leggi qui). 

Non mi sembra molto intelligente per una squadra di serie B o per una squadra che deve salvarsi in serie A, guardare al campionato inglese, a quello tedesco o a quello spagnolo dove ci sono giocatori che non sono acquistabili per piccole realtà, ma solo per squadre che disputano le coppe europee.

Guardando all’Italia, la Sampdoria ha guardato con attenzione negli ultimi anni al campionato polacco e a quest’anno a quello olandese (Chabot dal Groningen e Thorsby dall’Henrenveen) e il Bologna ha attinto da quelli dell’est europeo.

Ma basta guardare con attenzione gli acquisti degli ultimi anni di ogni club per comprendere su quali tipo di mercato è orientata l’area tecnica (Art.: Chi deve costruire la squadra tra il direttore sportivo e il tecnico? Leggi qui).

Se c’è poi un campionato la cui conoscenza rappresenta assolutamente un “must” per un osservatore, questo è il campionato argentino che in due anni ha ridotto le compagini passando da trenta a ventiquattro e che la cui analitica conoscenza deve diventare essenziale nella dotazione di uno scout.

I giocatori argentini hanno talento (Art.: Cosa cerco in un calciatore leggi qui) e hanno capacità di adattamento davvero notevoli, decisamente migliore per esempio di quella dei brasiliani, che magari hanno maggior tecnica, ma sono decisamente meno capaci di adeguarsi a tutto e a tutti. La “garra” ovvero l’impegno fisico, lo sforzo caratteriale e il coinvolgimento emotivo esiste e, se ne volete un fulgido esempio guardate all’esordio nel nostro campionato di Romero del Genoa, avvenuto alla prima partita di Juric che, appena subentrato, lo ha tolto dalla Primavera in cui era confinato, per schierarlo perno della difesa a tre che doveva vedersela con la Juventus.

La domanda che dovremmo farci forse è capire come un giocatore del genere potesse essere dimenticato in primavera, ma questa è un altro discorso.

La storia che ne è eseguita la conoscete, con il giocatore che si è imposto come uno dei migliori talenti del campionato passato. Il Genoa fa di questo campionato un buon punto di snodo, tanto da aver ottenuto plusvalenze importanti oltre che da Romero pagato solo 1.7 milioni di euro, anche dalla cessione di Simeone. 

Ovviamente sto generalizzando, ma i giocatori argentini sono presenti in ogni campionato del mondo e si sono costruiti con le loro prestazioni un ruolo davvero nevralgico. Tipicamente le punte argentine sono presenti tra i migliori cannonieri in ogni stato e sono davvero presenti in ogni continente (Art.: Il talento evidente si scopre da solo leggi qui).

A parte le doti caratteriali, i giovani in Argentina vengono messi immediatamente in campo e le atmosfere a cui saranno forgiati sono rappresentate da campi infuocati e derby davvero molto duri, per cui, sin da giovanissimi sono temprati caratterialmente alle sfide più difficili.

Quando si vede la nazionale argentina, si vedono solo venti tra i giocatori più forti sparsi per il mondo, ma si potrebbero costruire con quelli meno conosciuti, almeno altre tre squadre nazionali di notevole talento. Altro vantaggio offerto attualmente dal campionato argentino è rappresentato dai prezzi, che rimangono bassi o almeno rappresentativi dell’effettivo talento e non gonfiati, sempre che il giocatore non si sia evidenziato a manifestazioni come il Sudamericano o la Copa Libertadores (Art.: Il clamoroso errore di acquistare i giocatori dopo una manifestazione importante leggi qui).

Per cui, conoscere per ogni squadra di quel paese le caratteristiche dei giocatori che compongono la rosa è probabilmente il primo passo per svolgere con professionalità questo lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *